mercoledì 5 maggio 2010

Ammazza ammazza, è tutta la stessa razza. E allora ?!?



C'è poco da fare, e poco mi importa del qualunquismo, del garantismo, dell'ismo di turno insomma; quando mi confesso, al prete posso solo dire che io ho dentro TUTTA LA RABBIA DEL MONDO... E non c'è notizia buona o leggera che possa farmi passare questa rabbia.

Questo nostro stato, cosa disgiunta dall'amatissima e sacra Patria, si basa sul fotti fotti generale, da anni, anzi, decenni... Tutti i livelli di naturale corruzione e degrado morale, che ovunque possiamo trovare nel mondo, qui superano ampiamente per numeri e livelli, ogni possibilità di ricomposizione e equilibrio...

Senza una rivoluzione CULTURALE, ETICA E MORALE, siamo spacciati, quantomenno sono spacciati i migliori tra di noi...
Visto che i vituosi, gli onesti, i retti, sono alla mercè dei paraculi, dei furbi, di chi, peraltro, ha più mezzi per pararsi il culo per quanto c0mbina, non vedo più scappatoie e salvezza per questa società INCIVILE che siamo...
Siamo la Grecia di oggi, quanto a default della moralità.

Cosa è cambiato con Silvio, cosa è cambiato in questi anni ?!? Dov'è quella rivoluzione sistemica che cui il popolo migliore aspirava ?!? Dove sono i cambiamenti profondi di cui necessitavamo ?!? DOVE ?!?

Nulla, nulla di nulla è cambiato.
Chi pagava le tasse ieri, oggi ne paga di più ancora, chi era retto ieri, oggi rischia il "retto rotto" !!!

Non è possibile, non è ammissibile, non è accettabile che chi, in questo paese, voglia fare le cose per bene, venga costantemente BASTONATO, UMILIATO e alla fine, messo all'angolo...
Oramai sono troppi i segnali di disamore verso tutta la politica; non solo l'astensionismo, ma anche le difficoltà estreme che I MIGLIORI CITTADINI VIVONO ogni giorno se vogliono fare impresa, o anche solo RESISTERE alle botte continue cui ci sottopongono i monopolisti, i vari enti vicini e lontani, LO STATO INSOMMA.
Il paradosso dei paradossi è che oggi, chi passa le più drammatiche difficoltà sono proprio gli onesti cittadini, quelli che rigano drittissimo, quelli che ci tengono a fare le cose per bene, quelli che si SENTONO PARTE DI QUALCOSA DI PIU' GRANDE ed importante di se stessi, o della propria famiglia, o tribù o clan...
Si, c'è la crisi, e allora ?! Non era forse l'occasione per cambiare tutto, non c'erano forse i numeri di pigri parlamentari necessari ?!? Non era forse arrivato il tempo di isolare, salvare e sostenere I MIGLIORI di questo paese ?!? Possibile che io DICHIARI molto più dei miei ricchissimi concittadini fotti fotti, più di sindaci e politicanti da strapazzo, di tirapiedi facoltosi, di omini da sottobosco, di corruttissimi affamatori del popolo ?!?
E' ammissibile che lo stato continui a massacrarmi le carni, mentre il mercato morente arranca ?!?
E' accettabile questo continuo stato di iniquità ed ingiustizia che progressivamente, massacra solo e sempre chi DICHIARA quello che fa in maniera PULITA, CIVILE, TRASPARENTE ?!?!?

Nulla è cambiato da ieri, ammazza ammazza è tutta la stessa razza, e la discriminante non è il partito che uno vota, ma il fatto che in questo paese ci siano troppi e troppi paraculi equamente distribuiti territorialmente e politicamente. E a troppi manca solo l'occasione per trasformarsi in LADRI ! I migliori, quelli che pur potendo, quelli che possono ma mai civilmente hanno voluto esser scorretti e partecipare allo sfacelo della nazione, oggi, sono allo stremo e lo sono in tutti i sensi possibili, ma soprattutto moralmente...
Troppi eventi puzzolenti ho visto, troppi che perfino la più sbiadita, illogica e distratta logicità umana, ne trova immediato disgusto...

Ma insomma, che cazzo dobbiamo fare per affrancarci da questa Repubblica fondata sul ladrocinio ?!? Cosa dobbiamo fare per salvarci e nel contempo rimanere onesti, retti e veramente LIBERI ?!? COSA ?!?
Votare ancora ?! E per chi, per cosa ?!?

Siamo solo poveri disgraziati tutti, carne da macello, civilissimi stronzi che subiscono ogni istante insulti e botte.
Io vi odio tutti, fratelli miei, perchè la maggioranza di questo paese, mi uccide moralmente ogni giorno e ogni giorno uccide l'Italia migliore.
Il disgusto mio, è solo superato dal disgusto dei nostri avi, di quelli insomma che hanno dato più dei giusti di oggi, ovvero la vita, per la propria Patria.
150 anni di sofferenze, e oggi siamo qui e rammentarci tutti insieme che non è cambiato nulla, che le piaghe italiane, sono sempre le stesse e che, soprattutto, le energie positive e sane del paese, non hanno spazio o possibilità di proseguire questa lotta per la sopravvivenza morale e civile...
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...