domenica 20 maggio 2012

Strage di Brindisi. Stavolta, non la bevo...

...come non ne ho bevute molte, e molte altre...

Troppe stragi, in Italia, rimangono senza un colpevole; TROPPE !
E' inutile, fare il triste elenco, è inutile e doloroso, ricordare che mai i colpevoli sono stati assicurati alla giustizia. Una giustizia che poi presumiamo sia di popolo, ovvero in nome del popolo italiano...

A volte, è stato preso qualche esecutore, il più delle volte, abbiamo assistito a processi lunghi decenni, per poi, non capirci nulla...

L'italiano medio, sarà pure un deficente, come ce lo riporta lo share della De Filippi, ma credo che oramai siamo troppo disillusi, per credere a biancaneve e a cappuccetto rosso...
No, non crediamo a quest'ultima strage, perchè delle favole, noi italiani, abbiamo sempre e solo conosciuto il lupo, anzi i lupi.
E lupi sono, i vari mandanti che in decenni hanno condizionato, con le stragi di innocenti, la pubblica opinione, il regime e la sua permanenza prepotente al potere...

Io NON sono commosso, non voglio sentirmi unito o vicino allo stato.
Sono profondamente addolorato solo e soltanto per i familiari delle vittime, ma il sentimento prevalente, ora, a seguito della strage di Brindisi, è e rimane quello di prima, ovvero  
RABBIA
Questa volta, non ci vedo giusto, e non me la bevo.
Ritengo sia un sentimento molto diffuso, in questo preciso momento, che non riguarda più, sparute minoranze di scettici, ma si va diffondendo presso una pubblica opinione sempre più insofferente, scettica e rabbiosa...

La mia rabbia, per lo stato in cui versa la mia Patria, è un sentimento SACRO da cui nulla mi potrà distogliere; meno che mai un vigliacco attacco alla vita inerme di giovani, di cui non conosciamo, e molto probabilmente mai conosceremo, i responsabili...
NON ABBOCCHIAMO, questa volta, non recederemo di un metro, quant'è vero Iddio !!!

Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...