lunedì 7 maggio 2012

Prima la politica, e abbasso la finanza...

Siamo in attesa di scorpire cos'hanno detto gli italiani chiamati alle amministrative, in molti comuni d'Italia..
E, intanto, non possiamo non vedere cos'è successo in Grecia, cos'è successo in Francia.
E' chiaro solo, che un sentimento comune di impazienza dilaga; ci si reca meno alle urne, forse, ma di sicuro si rafforzano le necessità di porre un freno all'Europa della finanza, all'Europa dei conti, all'Europa del DISASTRO IMMINENTE, insomma.

Torna la parola alla Politica, speriamo, quella scritta con la P maiuscola, quella che dovrebbe ridare il primato della parola ai POPOLI, schiacciati da tanti discorsi finanziari che oramai hanno sfondato la porta di ogni famiglia, di ogni persona, al punto che anche la "sora Maria", oggi, ti parla di "spread"...

Continuando di questo passo, l'Europa e i suoi epigoni, i suoi tecnici i suoi grandi esperti di alta finanza, finiranno per distruggere millenni di civiltà e di faticoso cammino...
E stanno sbagliando al punto tale che, non possiamo più credere vi sia una buonafede nell'agire dei potenti attuali d'ogni nazione... Ma benvenga, la cacciata di Sarkò, benvengano gli estremisti di Grecia; benvenga qualunque cambiamento VERO E PROFONDO che ci faccia dimenticare i chiacchieroni, gli affabulatori, quelli che avevano incantato col piffero magico, milioni e milioni di cittadini...

Ciò che fu costruito con la spada, ciò che costò sangue e sacrifici, è ieri stato messo in mano, a intere bande di grandi economisti, di grandi esperti e luminari; ma che bei risultati ! Si fece l'Europa per la pace, e si rischia oggi la morte e, di nuovo, la guerra...

Un solo paese ride, mentre un intero continente MUORE !

Ci vuole un nobel per capirlo ?!? Che cosa aspettiamo, se non l'ultima parola del popolo, prima che si ritorni ad agire, dopo decenni di pace, e dopo un solo decennio di follie, distruzione e scempi, e violenze finanziarie d'ogni sorta ?!?
Si preoccupano anche gli americani, di quanta incapacità stiamo dimostrando; anche gli americani, aggrappati ad un fiacca ripresa, non possono infatti far altro che tremare, di fronte ai nostri virtuosismi da imbecilli !
Già, i conti, prima di tutto, mentre milioni di europei assaggiano la fame, l'indigenza, la mancanza totale di prospettive, i portavoce di quella odiatissima Europa dei "conti", immette nuove tasse, nuove regole, nuove inutili stronzate in ogni settore e ramo della nostra ESISTENZA !
Non vi è settore della economia, della vita comune, di tutto insomma, che non sia stato toccato, e quasi sempre AFFOGATO, da ulteriori assurde regole europee; quelle direttive, che apparivano fino a ieri ammantate da chissà quale potere curativo, oggi, appaiono per quel che sono, TUTTE POLPETTE AVVELENATE !!! Tutto veleno, insomma, in sistemi economici e sociali già IPERNORMATI !!!
Tutti tentativi di render TEDESCHI TUTTI NOIALTRI che tedeschi non siamo !!!

BASTA, gridano le urne, BASTA !!!

Si interrompa lo scempio, prima che la parola GUERRA, ritorni ad essere, di nuovo, l'ultima risorsa possibile, dopo decenni di pace !
Prima che rimanga solo la GUERRA, l'ultimo sistema per riportare libertà e pace, siano le urne a tuonare la parola BASTA ! Perchè dopo le urne, saranno i cannoni e le genti a muover battaglia !
A riprendersi col sangue la libertà, estirpando dai colli le poche teste che hanno contribuito e approfittato di questa situazione !

Ci si liberi di questi euroburocrati, incapaci di cambiare le cose, poichè ancorati a logiche antiche, benchè da poco, i popoli le abbiano comprese...
Si ritorni a parlare di LAVORO, di PRODUZIONE, si ridia il primato a questi concetti, piuttosto che alle "finanze", concetto talmente vicino allo "scommetere", da sembrare l'ennesima lotteria dello stato...

Ogni nazione, deve avere la sua LIBERA AGRICOLTURA, LE SUE LIBERE INDUSTRIE, LA SUA LIBERA ENERGIA E RISORSE !!! BASTA CON LA COLONIZZAZIONE EUROPEA, CON LE SVENDITE DEI NOSTRI PATRIMONI DI STATO; CON L'ESPROPRIO SENZA INDENNIZZO DI QUEL POCO CHE ABBIAMO; INTERROMPIAMO QUESTA GUERRA FINANZIARIA ORA !!!

Basta, con le frontiere colabrodo, aperte all'assalto e alla depauperazione continua dei nostri lavoratori, dei nostri prodotti, della nostra vita ! Si ritorni alla sovranità di stato e di popolo !  Vada affare in culo questa Europa fatta a misura di quattro superpotenti, e a misura di poche centinaia di miliardari !

La convivenza con questa Europa qua, non può più andare avanti così; il limite cui sono state portate le popolazioni di interi stati, rende chiaro a tutti che, le urne, in queste tornate, sono le ultime parole civili che avremo a disposizione per parlare...
Oltre questo limite, c'è solo la GUERRA e non più finanziaria...


Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...