martedì 12 giugno 2012

Eurostat certifica: disoccupazione UE al 11%... Gli europei, al patibolo...

Intanto, mi strappa un sorriso il fatto che il sito Eurostat, non contempli la lingua italiana...
A parte questa mia, ecco il bollettino che registra la disoccupazione sul vecchio continente.
Eurostat bollettino disoccupazione

Vorrei intanto chiarire che non sono a noi profani note le metodologie di rilevazione dei dati; è naturale presumere che i dati siano forniti dai singoli stati.
Presumo siano dati depurati dalla componente stagionale e da altri chissà quali artifici, comunque sia, sono dati allarmanti...
Altrettanto ragionevole è presumere che non si abbiano criteri omogenei di rilevazione e valutazione dei dati; direi che è una costante di ogni ragionamento europeo, e da anni, questa disomogeneità...
E rendere omogeneo, confrontabile, paragonabile, qualcosa di così diverso, è a tratti assurdo; l'assurdo che ci ha comunque fatto mettere assieme, paesi e popoli così diversi.
Ma, la parola disoccupazione, la conosciamo tutti; se non possiamo dire che i dati siano perfettamente omogenei, di sicuro possiamo dire che è omogeneo, il sentimento di terrore che vivono i milioni a non avere più un lavoro, i milioni che sanno di essere a rischio, così come i milioni per ora tutelati dagli ammortizzatori sociali e quelli che vivono nel limbo della precarietà...
Precarietà MAI rilevata nei dati occupazionali, secondo me almeno...

A parte questa piccolissima, mia, precisazione, salta all'occhio che nella europa allargata, quella dei 27, abbiamo un livello di disoccupazione più bassa. Non è un dato clamoroso su cui ragionare ?!
Secondo me, si, eccome.
Anche se, le linee politiche scialbe e sciattamente appiattite su un vago concetto di "rigore", stanno colpendo anche i paesi che ruotano intorno all'euro; si pensi ad esempio che la Romania, ha avuto un prestito di 20 miliardi dal FMI, in cambio, però, ha dovuto prendere alcuni provvedimenti, come un taglio del salario del 25% agli statali, ed il solito poco ortodosso aumento del prelievo IVA, balzata dal 5, al 24% !!!
Oramai, TUTTI abbiamo capito quale sia l'effetto di questi aumenti dell' IVA, anche i bambini: calo dei consumi, depressione, e quindi, di nuovo, altra disoccupazione.
Ma che fenomeni che abbiamo al potere eh; dei veri geni !!!

Abbiamo paesi con oltre il 20% di disoccupazione, e rischi elevati che i dati peggiorino, in tutta la UE !!!
E le performance, saranno ovviamente ancor più nefande nell'area euro; qui, la relativa forza dell'euro, continuerà infatti a rallentare le esportazioni, con esiti letali per alcune economie, statene certi...

Se è questo l'obbiettivo dei nostri "comandanti", debbo dire che stanno facendo un buon lavoro, sul serio.
Questo ulteriore rigore per le masse, sarà sicuramente la mazzata definitiva per i consumi; e la ripresa si allontana inesorabilmente ogni giorno sempre di più...

Nel frattempo, Christine Lagrange, ci dice che abbiamo tre mesi di vita; tanto per darci ancora più forza e coraggio.
O forse, per facilitare gli speculatori che, al momento attuale riescono solo a comprarsi isole sempre più belle, yacht sempre più lussuosi, ma purtroppo, ancora non hanno le liquidità necessarie per comprarsi interi paesi !
Tranquilli e comodi, nei vostri salotti, tenete le mani sui pulsanti e seguite i vari grafici; la componente umana resiste e tiene duro, non ci sono sommosse all'orizzonte e, tra poco, potrete coronare il vostro antico sogno !

Quello di papparvi intere nazioni, con un semplice click !!!

Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...